Follow by Email

05 aprile 2011

Social media. A chimera?

So much delusion in the social media field. A free world of individually produced content seems far from emerging as a substitute of the old mass media era. Tom Forenski provoques: "Shouldn't we retire the term social media? We should call it what it has now become: social distribution of (mass) media".
Twitter co-founder Jack Dorsey seem to endorse the idea: "Don't call it social network, Twitter is an information network". And for similar reasons an influential italian blogger, Massimo Mantellini, clearly talks about Twitter as "the eternal promise, never taking off (opposite to Facebook)".
I never took part in such progressive vs. conservative playoff, nor I'm willing to take it now.
I can't imagine a media world without organized, structured and professional producers of information, but forcing them to get their audience through gates like Twitter (where individuals, semi-professionals bloggers and in general whoever has something to say can get access) definitely IS a revolutionary change.
Social media is currently more about sharing information than producing it, but for the large mass of information "consumers" IS a big change.
Also sitting around a table there's always someone speaking much more, much louder, with more audience than others. Shouldn't it be the same in the social media arena?
I like the "information networking" definition: less visionary, straight to the point. And Twitter, despite its limits, is the core of it all.

Twitter senza fretta

L'eterna promessa che non decolla è un mondo relativamente nuovo per me: da nemmeno un anno sono su Twitter e solo da qualche mese lo sto usando con una certa continuità.
Ma perché confrontarlo con altri social network, applicando statistiche poco influenti per questo tipo di mezzo? 
Facebook è il bar, Twitter il giornale.
Su Facebook parlo di tutto con persone che conosco per il 90%, gli altri sono amici di amici. E' intuitivo, facile da usare.
Su Twitter sto incrociando persone in larga parte non italiane e ci selezioniamo in base ai contenuti: serve molto più tempo e gli strumenti per navigare la "colonna cronologica informativa in eterno aggiornamento" sono migliorabili (ma ne esiste un'ampia varietà).
Forse, come dice Jack Dorsey - uno dei fondatori - Twitter è un information network, non un social network.
Perciò non è strano che i contenuti siano prodotti da una minoranza dei partecipanti: il confronto va fatto con il rapporto tra giornalisti ed lettori dei quotidiani e periodici di carta.
Twitter è lo strumento che consente ai blog di avere un futuro, ed anche all'editoria tradizionale.
Ma non è "social" uno strumento che permette il dialogo a continenti di distanza, sulla base di un articolo, di una citazione, di una foto, di una passione?

Certo nessuno, se non accecato dal messianismo tecnologico, può pensare che sia uno strumento decisivo contro i regimi totalitari.
Ma quando mai nella storia è stato possibile seguire un moto rivoluzionario sentendo contemporaneamente le voci (lontane dall'epicentro) dei giornalisti e quelle (molto più vicine) dei partecipanti? E sapere che il mondo ti ascolta non credete dia un supplemento di forza a chi protesta e molti problemi più a chi governa cercando di controllare l'informazione?

Senza fretta, Twitter si candida ad essere il giornale globale dell'umanità. Scusate se è poco.

03 aprile 2011

How to save Twitter Regulars from Giants

Twitter Giants are a great resource for everyone crossing their highways on Twitter, as outlined by @xcapedcat here . They're a great source of information and provide valuable feedbacks, once you learn how to catch their attention. @SuuperG is a very nice example and explains it here.
Although your activity on Twitter is limited to a few minuted of idle time during the day and no more than an hour in the evening, there's a great chance to meet them online, even if you live in a different continent.
But what about the "Regular" (like you) twitters you follow? They risk to be submerged by the Giants' flood.
I therefore grouped all Giants in a list: a great competition for the most relevant content !
I've also created a list grouping every person (not company, news agency, journalist etc) I start following. Whoever shows a Giant attitude will be migrated to his peers company.
As long as such list grows, I will split it, always trying to preserve the possibility of reading a post of 1-2 hrs ago without spending hours in scrolling or reasearch.
And you? How do you take care of your Regular pals?