Follow by Email

15 marzo 2013

Linkedin: quali inviti accetto

Ricevo da diverso tempo un numero elevato di inviti alla connessione su Linkedin. Premesso che questo interesse mi lusinga, credo opportuno rendere esplicite alcune regole che cerco di adottare e chiedere un piccolo aiuto a chi mi contatta per la prima volta.
Accetto ovviamente tutte le richieste di persone che conosco di persona per averle frequentate più o meno a lungo, sul lavoro o altrove. Da loro (ma i nuovi arrivati sono ormai molto pochi) non serve alcuna spiegazione.
Accetto le richieste di chi è associato a Manageritalia o ad altre associazioni delle quali faccio parte.
Accetto le richieste di persone che incontro a convegni e con le quali ho avuto modo di scambiare qualche battuta, anche breve, o di altri che hanno partecipato ad un convegno nel quale ero relatore ma per ragioni di tempo non sono riuscito ad incontrare faccia a faccia.
Accetto le richieste di persone con le quali sono collegato su altri social network e con le quali ho avuto modo di dialogare, anche a distanza.
Accetto le richieste di persone che hanno progetti che mi vorrebbero presentare, purché sia chiara la ragione specifica per la quale potrei esserne coinvolto.

A tutte queste persone (salvo il primo gruppo) chiedo la cortesia di scrivermi se sono associati a Manageritalia o in quale occasione ci siamo incontrati, perché potrei confondermi o dimenticarmi. Non vorrei "ignorare" queste persone, come potrei aver fatto talvolta in questi anni.

Non accetto le richieste di chi non pubblica la propria foto oppure presenta un profilo molto scarno.
Non accetto le richieste di chi ha come unico punto di contatto l'iscrizione ad un gruppo al quale sono iscritto anch'io.
Non accetterò più richieste generiche, senza l'indicazione di cui sopra.

Credo infatti che ad un contatto su Linkedin debba corrispondere un qualche tipo di relazione. A differenza di altri SN (es.Twitter) non è lo strumento adatto per far nascere nuove relazioni, salvo quelle legate alla domanda / offerta di lavoro. Alla domanda "Lo/la conosci?" che spesso amici e colleghi mi rivolgono facendo riferimento ad un mio contatto Linkedin, vorrei continuare a rispondere "Sì", aggiungendo dettagli sul grado di conoscenza, anche superficiale, o sulla comune appartenenza.
Grazie per aver letto questa nota. E a proposito: voi adottate qualche regola ?

Nessun commento: